Nuova cabinovia aeroporto: pensiamo alla bici

A prescindere da qualsiasi valutazione sull’opportunità di tale scelta trasportistica, a proposito del progetto di cabinovia di collegamento fra l’aeroporto “Cristoforo Colombo”di Genova (GOA), la nuova fermata ferroviaria pensata fra Sestri Ponente e Cornigliano e la collina degli Erzelli, vorrei porre alcune domande, ovviamente relative al tema “bici“:

  1. la nuova fermata ferroviaria sarà raggiungibile in sicurezza in bicicletta da ponente e  da levante? Oggi via Siffredi ha assolutamente bisogno di essere resa più sicura per le persone in bicicletta;
  2. è previsto un collegamento ciclabile fra la nuova fermata e l’aeroporto (quindi utile a raggiungere la zona turistica della Marina di Genova Aeroporto)?
  3. la cabinovia sarà attrezzata per un comodo trasporto bici, sia per i cicloturisti in arrivo o in partenza con l’aereo sia per chi vorrà salire agli Erzelli per vivere la nuova area, molto panoramica, o per raggiungere il luogo di lavoro in cima alla collina?
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Dria010, Genova per noi, Opinioni e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Nuova cabinovia aeroporto: pensiamo alla bici

  1. Franco Ta ha detto:

    la cabinovia permette di lucrare di piu’ sui lavoro di esecuzione: costa di piu’ e ci saranno piu’ margini inoltre serve per abbindolare i malati di modernismo, americanismo.

    • Mirko ha detto:

      Che c’entra con l’articolo?

      • Franco Ta ha detto:

        la spesa per l’installazione della cabinovia sara’ dell’ordine di milioni e, pur escludendo le corruttele, c’e’ piu’ margine per lucrare.
        Modernismo e americanismo nell’accezione di Gramsci, che non e’ antiamericano, ma anticapitalista.

        http://www.einaudi.it/libri/libro/antonio-gramsci/quaderno-22-americanismo-e-fordismo/978880639016
        “La tematica gramsciana di Americanismo e fordismo è stata per una lunga fase proposta come un’analisi «classica» delle novità del capitalismo di fronte alla crisi mondiale. Dilatata spesso oltre i suoi limiti storici, ha poi subito qualche comprensibile reazione di rigetto. È possibile darne oggi una lettura corretta, che ne riveli i punti di efficacia attuale? A chi percorre i nodi di queste pagine, risulterà evidente il punto di partenza della riflessione di Gramsci: la modernizzazione e lo sviluppo delle forze produttive sono una esigenza imprescindibile di quella fase storica. In linea di tendenza, la soluzione del problema può venire solo dall’avvento della classe operaia alla direzione della produzione, della società e dello Stato. È questa una idea-forza presente già nell’elaborazione «consiliare» del Gramsci dell’«Ordine Nuovo». Ma gli sviluppi della crisi mondiale dimostrano che, accanto all’ipotesi socialista, esiste anche una risposta capitalistica al problema della modernizzazione: essa si manifesta non soltanto sul terreno dell’organizzazione della produzione, ma anche su quello della società e dello Stato. L’americanismo esprime appunto per Gramsci la forma più avanzata della sfida capitalistica, capace di integrare innovazione e restaurazione, economia «programmatica» e libertà dei capitalisti, in un processo di «rivoluzione passiva» che rischia di mettere sotto scacco le forze rivoluzionarie. Il ricco apparato di note chiarisce e storicizza questa impostazione gramsciana, situandola all’incrocio di alcune fondamentali tematiche della cultura degli anni ’30: dalla riflessione interna al gruppo dirigente dell’Internazionale, alle discussioni sull’«economia nuova» di Rathenau, ai dibattiti su una ipotetica svolta modernizzatrice dei fascismi europei.”

  2. Franco Ta ha detto:

    pagina grasciana
    ””””””””””””
    LA QUESTIONE DEGLI INTELLETTUALI : il ruolo riservato da Gramsci agli intellettuali è quello di elaboratori e mediatori delle ideologie ed è fondamentale per la conquista e per l’esercizio dell’egemonia culturale da parte di ogni classe sociale che miri a diventare dominante. A questo tema si legano quindi direttamente quello dell’egemonia e della rivoluzione passiva. Gramsci afferma che ” tutti gli uomini sono intellettuali “, poichè ogni uomo, consapevolmente o no, esplica ” una qualche attività intellettuale “, ha una propria concezione del mondo e una consapevole linea di condotta morale, e contribuisce a modificare altre visioni del mondo suscitando nuovi modi di pensare. Il linguaggio stesso è ” una minima manifestazione ” intellettuale, visto che già in esso è cristallizzata una ” determinata concezione del mondo “, una qualche ” filosofia spontanea “. Non vi è pertanto attività umana (neppure la più pratica) ” da cui si possa escludere ogni intervento intellettuale “: ” non si può separare l’homo faber dall’homo sapiens “. Ma se tutti gli uomini sono intellettuali, ” non tutti gli uomini hanno nella società la funzione di intellettuali “; per l’esercizio di tale funzione, si formano storicamente delle categorie specializzate in connessioni con le classi sociali e specialmente con quelle più importanti e dominanti. Gramsci distingue fra: 1) intellettuali “tradizionali”, che generalmente si rappresentano come ” autonomi e indipendenti dal gruppo sociale dominante ” e dal mondo della produzione, considerandosi piuttosto come seguaci disinteressati dei valori tradizionali; 2) intellettuali “organici”, cioè legati organicamente al gruppo sociale fondamentale; però anche gli intellettuali “tradizionali”, anche se non ne sono consapevoli, sono in ultima analisi “commessi” della classe dominante, “organici” al gruppo sociale fondamentale e svolgono ” funzioni organizzative e connettive “, di direzione ideologica e culturale. Sta qui il rapporto tra intellettuali ed egemonia: la classe dominante o che aspira a divenire tale cerca di utilizzare gli intellettuali per esercitare un’egemonia su tutta la società; Gramsci dice che ” la supremazia di un gruppo sociale si manifesta in due modi, come ‘dominio’ e come ‘direzione intellettuale e morale’ “; lo Stato stesso, poichè espressione diretta del gruppo dominante, si fonda e si regge su due elementi: a) la “dittatura”, ovvero l’apparato di decisione e di coercizione rappresentato dalla “società politica”; 2) l’ “egemonia” e l’organizzazione del consenso, dipendenti dalla “società civile” e attuate attraverso un apparato di “strutture ideologiche” e di istituzioni a cui spetta il compito della direzione culturale per conto della classe politica dominante. Operano nella società civile e nelle strutture ideologiche la scuola, la Chiesa, i partiti, i sindacati, la stampa, e così via, nonchè i funzionari dell’ideologia e della cultura, cioè gli intellettuali, fra i quali Gramsci fa rientrare tutti quelli che ricoprono ruoli sociali di educazione, formazione, organizzazione. L’egemonia è dunque il dominio di una classe sulle altre attraverso un’operazione di controllo culturale e ideologico e di esercizio del potere, in senso non tanto coercitivo, quanto di persuasione razionale, di influenza sul pensiero, sulla vita, sulla moralità, sulle abitudini sociali e culturali dei singoli. La conquista e la salvaguardia del potere da parte della classe dominante sono, per Gramsci, sempre più determinati dalla stretta connessione di egemonia e coercizione. L’esercizio dell’egemonia (tipico dei regimi liberali e parlamentari) è caratterizzato dalla combinazione e dall’equilibrio fra forza e consenso e la forza deve sembrare sempre giustificata dal consenso della maggioranza; quest’ultimo è espresso dagli organi di opinione pubblica (giornali e associazioni) che, a questo scopo, ” vengono moltiplicati artificiosamente “. Poichè nell’epoca moderna, avverte Gramsci, ” la categoria degli intellettuali […] si è ampliata in modo inaudito ” e questi appaiono ormai necessari al funzionamento dello Stato moderno, la lotta per la conquista e per il mantenimento dell’egemonia non si può risolvere nello scontro materiale delle classi, ma deve investire il piano culturale. Le trasformazioni rivoluzionarie non sono più immaginate, secondo le modalità tradizionali, come scontro diretto, violento, fra gruppi o classi sociali antagonisti. D’altra parte, per evitare conflitti pericolosi per la sua esistenza, la classe dominante favorisce una serie di trasformazioni volte ad adeguare la società allo sviluppo economico: si tratta di “rivoluzioni passive”, tra cui rientra “l’americanismo”. Per la costruzione di uno Stato alternativo a quello di stampo americanista, Gramsci vede il bisogno di un reale processo rivoluzionario e di una sistematica contrapposizione operaia mossa da un concreto ” spirito di scissione “, rispetto al blocco sociale dominante. La conquista dell’egemonia e del potere da parte del proletariato è dunque indisgiungibile dallo scontro delle classi e dalla lotta proletaria, ma per far ciò la classe operaia ha bisogno di attirare a sè gli intellettuali “tradizionali” e di crearsi i propri intellettuali “organici”. L’intellettuale nuovo deve dunque ” mescolarsi attivamente alla vita pratica ” e diventare dirigente politico (cioè “specialista + politico”) proprio a partire dalla centralità del lavoro industriale nella società moderna.

  3. Franco Ta ha detto:

    Del Rio pensa rete nazionale piste ciclabili:
    già 4 grandi arterie per biciclette finanziate da Legge Stabilità

    ””La mobilita’ in bicicletta, dall’Alto Adige a Santa Maria di Leuca, cosi’ non sara’ necessario cercare soluzioni per le auto elettriche e Marchionne, senza questa risorsa, restera’ a bocca asciutta.

Rispondi a Franco Ta Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...