In bici da piazza Dante a corso Saffi

I Giardini Baltimora, più conosciuti come ‘Giardini di plastica’, sono un grande spazio, tanto verde quanto socialmente morto, ricavato in mezzo al ‘Centro dei Liguri’, il complesso edilizio sorto nel secondo dopoguerra ai danni dello storico quartiere di via Madre di Dio e della casa di Niccolò Paganini. Qui, dove antico e ‘moderno’ contrastano più che mai, ho sperimentato più volte e con soddisfazione un percorso che, quasi interamente pedalabile e pianeggiante (a parte alcuni gradini), permette di raggiungere in pochi minuti corso Aurelio Saffi da piazza Dante passando da via D’Annunzio.

Schema del percorso

Un divieto espresso di transito per le bici non c’è e, devo dire, non sono mai stato fermato o ripreso dalla polizia municipale o da guardie giurate. Tuttavia, nell’incertezza del diritto, è sempre meglio non pedalare come imbecilli irrispettosi degli altri, se non altro per evitare che qualcuno un giorno decida di mettere un divieto a danno di tutti.

Inizio del percorso

L’accesso al percorso si trova davanti all’ufficio dell’AMIU. Lì ci sono alcuni archetti dissuasori, per cui conviene accompagnare la bici a mano per qualche metro. Subito dopo c’è una rampetta che porta nel piazzale interno, oggi trasformato in parcheggio per scooter. Dall’altro lato una breve gradinata conduce in discesa nel vialetto che attraversa il prato. Dopo una trentina di metri si svolta a sinistra e, fatti quattro/cinque gradini, si accede al percorso coperto che arriva fino a piazzale Ortiz. Procedendo a velocità moderata, una volta passati sotto allo storico ponte di Carignano, si entra nel tunnel di plexiglass.

Passaggio in via D’Annunzio

In questo punto, al mattino, gli uffici INPS ed INAIL sono aperti al pubblico, per cui il traffico pedonale può essere notevole. In questo caso, anche qui, è meglio accompagnare la bici a mano. Diverso è nelle ore del pomeriggio e prima della sera, dove l’essere in bici consente di attraversare velocemente una zona abbastanza desolata. Una volta giunti in corso Aurelio Saffi, volendo procedere verso la Foce, ci si trova già a metà salita :-), mentre volendo andare a Caricamento, è tutta discesa.

https://maps.google.it/maps/ms?msa=0&msid=215301385015422815238.0004bdcada6b3d9f508c9&hl=it&ie=UTF8&t=h&z=17&output=embed
Visualizza In bici da piazza Dante a corso Saffi in una mappa di dimensioni maggiori

Grazie alla bici si evita di perdere tempo per recarsi negli uffici pubblici presenti lungo via D’Annunzio, oggi raggiungibili solo a piedi o utilizzando i bus che transitano sulla circonvallazione a mare.

Il percorso è fattibile in entrambe le direzioni, anche se verso mare risulta più semplice per via delle scalette… in discesa anziché in salita 🙂

Questa voce è stata pubblicata in Dria010, Mappe & Percorsi e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a In bici da piazza Dante a corso Saffi

  1. cristina castellari ha detto:

    bravo Andrea, io abito lì vicino e quindi lo conosco e lo faccio spesso anche a piedi ma è un’ottima risorsa per spostarsi fra due parti della città “automolisticamente” parlando piuttosto distanti ma biciclettamente parlando assai vicine! Cristina

  2. anemmuinbiciazena ha detto:

    è un bel percorso, che collega facilmente il porto antico con Piazza Dante. Se poi un giorno verrà riaperta l’ascensore che dal tunnel dell’INPS porta alla chiesa di Carignano questo sarebbe ancora più interessante, e potrebbe davvero divenire un punto nevralgico per raggiungere tutta la parte più elevata del centro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...